Il 5°Clone



Hansel & Gretel - Cacciatori di streghe

Regia: Tommy Wirkola
 Cast: Jeremy Renner, Gemma Arterton, Famke Janssen, Pihla Viitala
 Genere: Azione, Dark Fantasy, Horror
 Produzione: Metro-Goldwyn Mayer, Paramount Pictures
 Data di uscita italiana: 1 maggio 2013
 Durata: 1,28 ore
 Nazione: Germania, USA

 

Si avvicina l'estate e, come ormai di consuetudine per questo periodo, è tempo di dark fantasy. Dopo Solomon Kane, L'Ultimo dei Templari e Biancaneve il Cacciatore, quest'anno è il turno di Hansel e Gretel: Cacciatori di Streghe.
Con l'Ultimo dei Templari è possibile instaurare un paragone, vista la similitudine di tematiche trattate (il titolo originale del film con Nicolas Cage era Season of the Witch) e visto che i due film procedono in sensi opposti. La templarata senza templari si riscattava col finale dopo un'oretta e mezza assolutamente misera mentre qui la caccia parte con buone premesse per inciampare man mano che procede e far uscir delusi dalla sala per un film che sarebbe potuto esser meglio.

È anche il terzo film di streghe della stagione, ma col Grande e potente Oz non c'entra nulla e di Beautiful Creatures so troppo poco per stabilire un parallelismo.

Presupposto: non portate i vostri figli piccoli a vederlo, pensando che tanto è una fiaba. Tra spruzzi di sangue quasi tarantiniani e un nudo parziale quando andrà in tv avrà decisamente bollino rosso.

 



Il film rianalizza a modo suo la fiaba di Hansel e Gretel, due fratelli che vengono abbandonati più volte nel bosco dai genitori nel tentativo di diminuir le bocche da sfamare a casa e che, quando il loro espediente per ritrovare la via di casa fallisce, finiranno in una appetitosa casa di marzapane in cui una strega mezza orba ingabbierà Hansel per ingrassarlo anche se lui sembrerà rimaner magro con il trucco dell'ossicino di pollo, fino ad accendere il forno per cucinarlo dopo lunghe attese per esservi buttata dentro a sua volta da Gretel, e i due bambini torneranno a casa dove, risolti i problemi economici, saranno riaccolti con gioia.
Qui il perchè dell'abbandono si scoprirà solo in seguito, sassi e pezzetti di pane vengono dimenticati, la casa di marzapane è tutt'altro che invitante, la strega non pare affatto orba, niente ossicini di pollo, lo scontro con la strega è ben superiore ad una spinta e non tornano a casa affatto.
I due gemelli scoprono infatti di aver buona resistenza agli incantesimi e partono per uccidere tutte le streghe che troveranno sul loro cammino.
Seguono titoli di testa intervallati dalle loro vicende narrate sui pezzi di libri di stampa del tempo usati come (un po' anacronistici?) giornali e figurine di carta che raccontan le loro imprese.

 

Io là dentro non ci entrerei... sarà appetitosa ma anche l'occhio vuole la sua parte!



Hansel e Gretel crescono e affrontano le streghe con forza, coraggio e armi steampunk molto belle da vedere ma ancor più inutili da usare (vedasi fucili pieghevoli). Hansel è duro e riservato mentre Gretel è gentile e aperta al pubblico: strano... si direbbe che il bambino ingrassato sia più tenero e dolce di una bambina che senza farsi troppi problemi scaglia una vecchietta nel forno...

La storia inizia quando i due cacciatori si recano in una cittadina molto colpita da fenomeni legati alle streghe, picchiano lo sceriffo-rogo-facile, salvano un'innocente, interrogano qualche passante... insomma, per buona parte è un western ambientato in Germania, così si pone e così si sviluppa. Solo che al posto dei briganti ci son le streghe, al posto dello sceriffo c'è questo sceriffo, al posto dei cowboy vagabondi cacciatori di taglie senza nome ci sono loro e così via dicendo. Aggiungiamo alla combriccola qualche elemento maggiormente fantasy e il fan sfegatato dei cacciatori (con tanto di poster appeso al muro) del genere adolescente un po' arrapato e siamo a posto.

Questa caccia alle streghe sarà, come ci si aspetta dal film, la Caccia alle Streghe per eccellenza, in una vicenda che inizialmente sembra voler usare la favola come puro pretesto e far tutt'altro, man mano che si procede i riferimenti al loro passato e al racconto originale aumentano fino a diventare addirittura forzati.
Cito ad esempio lo strano diabete a timer di cui soffre Hansel per aver mangiato così tanti dolci. L'idea è carina, peccato che per a timer intendo che ogni tot ore (normalmente nel momento meno opportuno di uno scontro) gli suona una sveglia deve infilzarsi con una fiala o avere un attacco epilettico entro pochi minuti... cosa che, per le conoscenze mediche mie, e di chi mi circonda, pare un po' strano...

 

Spaceball il lanciafiamme! Un secondo... davvero?



Il film si struttura come un buon filmotto d'azione senza eccessive pretese ulteriori. Buon ritmo, scorre rapido senza incepparsi troppo e senza pesare molto (soprattutto senza patemi), passando da uno scontro all'altro con streghe poco costose ad effetti speciali ma molto ben rese (specie quando al grande sabba cominceranno ad apparirne di straniere assai strampalate). Certo, le streghe vengono sconfitte perchè volano quasi solo rasoterra e non usano bene i loro poteri ma, non avendo mai visto film la cui azione fosse davvero sensata, soprassediamo.
Ci sono un paio di sorprese sparse in giro ma così evidenti che guardando il film con un minimo di testa si posson indovinare con larghissimo anticipo. Spegnete il cervello e andrà tutto bene.


Il problema è nel finale che, pur di mantenere il ritmo del resto del film, evita un paio di strade che, oltre ad aver senso, sembravano essere state appositamente annunciate dallo sviluppo della storia.
E, come ne L'ultimo dei templari un finale migliore dell'inizio riusciva a coprire il saporaccio di un film scadente, qui la delusione conclusiva in uscita rischia di coprire tutti i pregi. Non dico che comunque ne sarebbe venuto fuori un gran film, anche se, confrontato con ciò che abbiam visto gli anni scorsi...

Commenti   

 
# taumas 2013-05-21 16:09
Non sono un medico, ma effettivamente, l'insulina non va presa ogni tot?
 
 
# Luskark 2013-05-28 09:23
Si fa prima di mangiare. Non basta una settimana a mangiar dolci per prendersela e non causa quegli attacchi epilettici.
Non so spiegarlo ben personalmente ma prima di scriver la recensione chiesi a chi tra i miei conoscenti ne sa ;)
 

You have no rights to post comments

Pannello Utente



Chi c'è online

Prossimi eventi

 

Ultimi file da scaricare

Creata sulla base delle liste by Darken&Erestor, ringrazio Necrid per avermi permesso di util...

Immagini dalla galleria