Il 5°Clone



BLUEPRINTS BACKDROPS - The Golden Eel Inn

BLUEPRINTS BACKDROPS

The Golden Eel Inn


Recensione di Leo “lordgirsa” d’Amato
Revisione di Davide "Nadir Sharpblade" Manganaro



Immagine


Una splendida realizzazione di Tim Hitchcock afferente alla linea di prodotti della Øone’s Blueprints, il presente supplemento offre una precisa e doviziosa descrizione della Golden Eel Inn (Locanda dell’Anguilla Dorata) in una elegante serie di mappe realizzate con cura in un azzurro intenso.Prodotto semplice, di immediato utilizzo e gradevole anche solo come lettura, è compatibile con l’edizione 3.5 di D&D, quale che sia l’ambientazione utilizzata, e quindi col “d20 System”.Viene offerto nella veste di un supplemento di 16 pagine al costo di Euro 3,20.


Uno sguardo di insieme

Il nuovo prodotto della serie Øone’s Blueprints Backdrops si propone di offrire una panoramica particolareggiata su una taverna portuale, che di tipico possiede solo la sua collocazione.

Infatti, a ben guardare, la Golden Eel Inn ha poco di comune, sebbene difficilmente si potrebbe comprenderne il motivo, avendone sotto gli occhi la struttura, con il contesto in cui è collocata: appare difatti come una elegante taverna portuale, ubicata nella zona meridionale (Dock’s Ward, appunto), particolarmente ricercata e costosa.
Gestita durante il giorno da una graziosa fanciulla dalla voce vellutata e durante la notte da un robusto e poco raccomandabile individuo, essa appartiene alla famiglia Kval da diverse generazioni ed è, ormai, divenuta una vera istituzione in città; un luogo dove cercare la giusta tranquillità davanti ad un bicchiere di brandy di importazione e della carne cotta a puntino mentre si discute d’affari nella sala riservata agli armatori o ad importanti mercanti o nobili signori (i soli a potersi permetter le esorbitanti tariffe della “casa”).

Difficilmente infatti verrebbe richiesto, si trattasse anche di una reggia, un prezzo, solo per il vitto, che può oscillare dalle 50 alle 100 e più monete d’oro: chiaro che la sala comune offre un servizio più “spartano”, ma neanche tanto, dato che appare chiaro che la locanda si rivolge unicamente ad una clientela molto selezionata (persino la mancia è dovuta).
C’è dunque un motivo per cui un nobile dovrebbe sborsare così tanto per una serata di affari? Ebbene si: la Golden Eel Inn è un posto tranquillo - mortalmente tranquillo - e difficilmente si presta ad essere teatro di risse o sede di persone importune.

Le regole della taverna, pur non essendo scritte, sono facilmente intuibili: “ciascuno pensi a se stesso”, cosa che di fatto trasforma tale luogo in uno dei posti più sicuri e tranquilli per discutere dei propri affari.
Ovviamente la locanda nasconde dei segreti, più d’uno in realtà (a cominciare da quelli attinenti all’attuale proprietario, Marcoso Kval), per svelare i quali sarà necessaria grande cautela, in particolar modo per ottenere informazioni (sconsigliabile l’uso della forza) dal capo cuoco o altri inservienti che sono più di quello che appaiono…e in un luogo del genere, anche gli oggetti potrebbero riservare amare sorprese!


Contenuto e Valutazione del PDF

Il supplemento si presenta, nell’aspetto, di un acceso color azzurro scuro tendente al blu ed è caratterizzato da illustrazioni, che, pur semplici, hanno il pregio di offrire un tratto “a matita” particolarmente pulito e nitido.
Il formato è l’ormai collaudato pdf, ed offre il vantaggio di avere una moderata interattività che di sicuro verrà molto apprezzata da quanti cercano la comunione tra “informatico” e “cartaceo”: si potrà infatti utilizzare un apposito “button” (pulsante), posto all’interno delle pagine visualizzate, per scegliere diversi tipi di visualizzazione della locanda, ad esempio un piano anziché un altro, dando una tangibile sensazione di profondità, tutto a vantaggio della descrizione operata dal DM.

Con l’ausilio del supporto grafico realizzato da O’Bully, le mappe ed i disegni realizzati rispettivamente da Guido Barbati e Raffaele Marinetti e realizzazione informatica di Anna Fava - tutti nomi nostrani questi ultimi – questo supplemento di gioco riesce a trasmettere, in poco meno di 20 pagine, la sensazione di avere tra le mani un prodotto completo, per quanto limitato alla descrizione di una semplice locanda e della gente che la frequenta o che la abita.

Suddiviso in sette sezioni, The Golden Eel Inn presenta la descrizione completa, molto precisa, della locanda (piano terra e primo piano), dei tipici personaggi aristocratici che la frequentano (si citano, inoltre, “optional patrons”) e le caratteristiche delle “creature” – ma che razza di locanda sarà mai? – ivi residenti, oltre ovviamente alle statistiche dei vari PNG.
I vari Mira, Markoso, Durn e lo chef Panobla sono molto carismatici e piacevoli nella loro caratterizzazione allontanandosi, fortunatamente, dagli stereotipati componenti lo “staff” di una locanda in stile “fantasy”.

Dato il modico costo, e l’oggettiva qualità del software che, giova ricordarlo, essendo in PDF può anche essere stampato e così impiegato in assenza di supporti informatici d’ausilio nella conduzione della sessione di gioco, questa ennesima produzione targata Øone’s Blueprints Backdrops segna un altro piacevole fiore all’occhiello di una serie che ha già in Italia un nutrito gruppo di appassionati e che probabilmente farà ancora molto parlare di sé.

(Acquistabile e scaricabile da ARIMA)

You have no rights to post comments

Pannello Utente

Chi c'è online

Il GDR di Zargo!

Prossimi eventi

 

Ultimi file da scaricare

Creata sulla base delle liste by Darken&Erestor, ringrazio Necrid per avermi permesso di util...

Immagini dalla galleria